Meet A Book: “Una donna che fischia”

Standard

Ambientata nell’Inghilterra degli anni ’60, “Una donna che fischia” di A. S. Byatt è l’ultima parte del ciclo iniziato con “La vergine in giardino”, proseguito con “Natura morta” e “La torre di Babele”. L’opera è molto complessa e ambiziosa: il romanzo è strutturato su vari livelli di scrittura, come Byatt ama abitualmente presentare il suo pensiero, e si muove combinando le storie degli innumerevoli personaggi al dibattito culturale di quegli anni che coinvolge la scienza, la sociologia e le nuove tecnologie nello studio sulla memoria, sulla chimica del pensiero e la meccanica dell’immaginazione. Ma non esiste solo il mondo accademico e scientifico, nascono in quel periodo i movimenti pacifisti ed ecologisti; in opposizione alla cultura elitaria nascono i movimenti degli studenti con l’Antiuniversità; contro il determinismo scientifico e il razionalismo privo di spiritualità fioriscono le sette religiose. Colonne portanti della narrazione sono sempre delle donne, assai moderne e intraprendenti per il periodo, donne studiose, colte, che però hanno rinunciato a molto per raggiungere le mete fissate. La Byatt descrive i rapporti uomo-donna come assai complicati, molto più complicati delle relazioni del mondo delle idee. Sono rimasta colpita dall’abilità della scrittrice di descrivere e toccare molte e svariate discipline: dalla biologia alla scienza, dalla filosofia alla letteratura la Byatt riesce a curiosare in mille modi diversi nel tema Corpo-Mente. Bello, avvincente, interessante, ricco di collegamenti tra le più svariate discipline, il romanzo può definirsi, a mio avviso, un IPERTESTO. Devo però aggiungere che la vivacità ipertestuale del libro non è fruibile da tutti in quanto occorrono alcune conoscenze di letteratura inglese, storia dell’arte e filosofia per godere appieno la ricchezza dei riferimenti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...